Codice Cliente

Password

Contrasto al Terrorismo

Home/Contrasto al Terrorismo

La procedura MITTer – CONTRASTO AL TERRORISMO sviluppata dalla M.I.T. consente a tutte le Società sottoposte al controllo UIF / Banca d’Italia di adempiere in maniera rapida ed efficiente agli obblighi previsti da G.U. 15/11/2001, D.lgs. 109/2007.

Caratteristiche principali della procedura

  • La procedura MITTer / CONTRASTO AL TERRORISMO presenta un database contenente soggetti “ricercati”, periodicamente alimentato dalla M.I.T., per verificare in automatico la presenza fra i clienti dell’Intermediario di soggetti a rischio
  • La procedura permette la ricerca diretta nel database con possibilità di analisi soggetto, con compattamento “omofonetico”. Una volta trovato il soggetto, viene indicato il tipo di intervento da effettuare (segnalare all’UIF, congelare, sospendere l’operazione, ecc.) e la fonte da dove il soggetto è stato rilevato.
  • La procedura permette anche la ricerca inversa, ossia analizzare tutti i soggetti presenti nel database dei programmi MITFin e MITAnti, in modo da poter sempre verificare se un soggetto con cui abbiamo operato in passato è finito nelle liste sospette.
  • MITTer consente anche all’utente di inserire anagrafiche nel database e di mantenerle nel tempo per estendere il database anche ai soggetti non “ufficiali” che vengono segnalati da associazioni di categoria / istituzioni che inviano comunicazioni “riservate”.
  • Il database viene aggiornato in genere almeno 1 volta al mese, in modo da avere gli elenchi costantemente in linea, ed in caso di variazioni importanti vengono effettuati anche aggiornamenti giornalieri.

Strumenti tecnici della procedura

  • La procedura è ampiamente dotata di help in linea e dispone inoltre di manuale direttamente richiamabile a schermo.
  • Tutte le stampe possono essere dirette su file, oltre che su carta e su video, con possibilità di attivare una funzione di preview prima della stampa effettiva.
  • La dotazione di password di accesso consente di limitare l’utilizzo della procedura al solo personale autorizzato.

Soggetti interessati
TUTTE LE SOC. ISCRITTE ALL’ELENCO INTERMEDIARI FINANZIARI DELL’UIF / BANCA D’ITALIA

Obblighi
Invio della segnalazione all’Unità di Informazione Finanziaria

Sanzioni
In base al tipo di infrazione (fino al doppio delle operazioni / denuncia all’Autorità Giudiziaria).

Scadenza
Con la massima tempestività.

La procedura MITVer – VERIFICA CLIENTE sviluppata dalla M.I.T. consente a tutti gli Intermediari finanziari di verificare il rischio cliente / rischio operazione / rischio rapporto e di analizzare rapidamente eventuali anomalie nei rapporti con i clienti, nonché di classificare gli stessi in base a vari indici.

Caratteristiche principali della procedura

  • La procedura MITVer è interfacciata con le procedure MITAnti – Antiriciclaggio e MITAos e permette di monitorizzare sia le operazioni sia i rapporti continuativi registrati in MITAnti.
    Vengono prodotte stampe di statistica e di analisi globale.
    E’ possibile stilare classifiche filtrate per periodo e/o cliente.
  • La procedura MITVer prevede dei coefficienti di rischiosità predefiniti dal ComEx – Comitato Scientifico AFin, che possono essere personalizzati dall’Intermediario.
    Sono previsti 4 tipi di rischio per cliente e 6 tipi di rischio per operazione e rapporto, con verifica parziale per cliente, operazione cliente ed aggregata.
  • La procedura MITVer consente, oltre alle analisi previste dalla Terza Direttiva in base all’art. 20 (natura giuridica, prevalente attività, comportamento, tipo operazione, modalità svolgimento, ammontare, frequenza, ecc.), altri tipi di estrazioni / filtri per l’analisi completa dell’operatività dell’Intermediario riguardo alla clientela.

Strumenti tecnici della procedura

  • La procedura è ampiamente dotata di help in linea e dispone inoltre di manuale direttamente richiamabile a schermo.
  • Tutte le stampe possono essere dirette su file, oltre che su carta e su video, con possibilità di attivare una funzione di preview prima della stampa effettiva.
  • La dotazione di password di accesso consente di limitare l’utilizzo della procedura al solo personale autorizzato.

Aspetti normativi della procedura

Soggetti interessati

  • SOCIETA’ FINANZIARIE (Artt.106 e 107 D.lgs. 385/93), Fiduciarie, SGR, Sicav, Banche, SIM, Imel
  • CONFIDI (Art. 107 e 155 comma 4 D.lgs. 385/93), Cambiavalute, ecc.

Obblighi
Adeguata verifica Clientela e Analisi Rischio legato a cliente, operazione, rapporto continuativo.

Sanzioni
In base al tipo di infrazione.

Scadenza
Al momento dell’effettuazione della prestazione.